INTERNET: TUTTI I TREND DEL 2015

Tutti i principali trend del mondo Digital, Mobile e Social sono stati raccolti e sistematizzati nella ricerca annuale dell’istituto americano KPCB ( Kleiner, Perkins, Caufield e Byers). Quali sono i cambiamenti del momento? Quali le conseguenze per i professionisti delle relazioni pubbliche?

Un mondo sempre più connesso

In poco meno di un ventennio (dal 1995 al 2014) sono passati dallo 0.6% al 36% della popolazione mondiale. Ancora più sorprendente la crescita del mobile che raggiunge una penetrazione del 73% grazie anche alla diffusione crescente degli smartphone che consentono a ciascuno di essere connesso ‘always on’ alle proprie reti sociali e di accedere da ogni dove a informazioni in ‘real time’. La supremazia dei devices mobili è confermata dalle quote crescenti di advertising, dal conseguente  adattamento dei formati pubblicitari a questi dispositivi, dall’esplosione del fenomeno delle app e del mobile commerce (si pensi alla comparsa del tasto compra su tutti i social media più popolari, Fb, Twitter). Una comunicazione che non sia ‘responsive’ ovvero fruibile da molteplici devices (sia in termini di formati che di conseguente tipologia di contenuti) non è più pensabile.

La diffusione delle app di messaggistica

La popolarità e la diffusione degli smartphone e, quindi, l’esplosione del mondo delle app ha portato alla crescita esponenziale della messaggistica istantanea capace di rispondere al conseguente bisogno di comunicazione real time tra gli utenti mobili. 6 delle top 10 app sono, infatti, di messaggistica.

I leader della messaggistica (WhatsApp, Facebook Messenger, Wechat) stanno cercando di sfruttare il loro successo per creare un sistema operativo cross piattaforma diventando veri ‘hub’ di comunicazione in grado di fornire molteplici servizi differenti. Al momento, però, manca un app che integri tutte le forme di comunicazione ma la maggior parte degli individui ne utilizza più contemporaneamente per rispondere a diversi bisogni. I messaggi e le notifiche sono, dunque, le nuove leve del mobile marketing.

I contenuti sono sempre più Generati dagli utenti, Curati & Sorprendenti

La capacità di controllo degli utenti sulla ricerca e selezione dei contenuti è cresciuta significativamente dal 1995 a oggi. Questo proprio grazie all’avvento del web 2.0 e dei  social media che hanno spostato l’asse del potere dai tradizionali intermediari di comunicazione (i famosi mass media) nelle mani dei singoli individui. Il contenuto è cambiato di conseguenza divenendo sempre più auto-generato dagli utenti, auto- autodiretto nella definizione del destinatario e auto selezionato nel reperimento delle informazioni e dei contenuti (l’auto comunicazione di massa descritta da Castells, 2009). D’altra parte accanto ai video prodotti da milioni di creatori differenti altre piattaforme come Snapchat hanno fatto la loro fortuna attraverso la diffusione di storie ‘live’ in occasione di grandi eventi musicali e sportivi o come Twitter si sono affermate come fonti di informazione in real time. Su Facebook (capace di intuire i trend rapidamente e trarne profitto come nessun altro) il fenomeno dei video ‘esplode’ fino a superare come n. di visualizzazioni lo stesso Youtube. Così è arrivato il successo delle piattaforme di live streaming su mobile, Periscope tra tutte. Content is the King, quindi, ma purché sia di qualità, originale, visual, sorprendente e ottimamente organizzato (nel senso di curato) in modo essere facilmente reperibile e fruibile.

I più giovani rimangono Trend Setters nel mondo Digitale

I teen ager (14-24 anni) si confermano anticipatori di mode e tendenze anche nell’universo digitale e mobile. A loro è necessario guardare se si vuole stare al passo o addirittura avanti con i tempi.  Così i giovani e gli adolescenti sono stati i primi e i più assidui utilizzatori dei dispositivi mobili che sono divenuti il mezzo principale di comunicazione per essere costantemente connessi con i loro pari tanto che l’87%  afferma che“lo Smartphone è sempre al mio fianco” e l’80%  dichiara”guardo il telefono come prima cosa al risveglio”. Inoltre il loro uso del web è fortemente ‘visual’: Pinterest, Instagram e Snapchat sono i social più frequentati e sono tra i principali creatori di foto e video che postano e condividono direttamente sui social.

L’insieme dei rapidi mutamenti prodotti o comunque supportati dalle nuove forme di connettività digitale e mobile hanno cambiato tutte le sfere sociali, dal lavoro (sia in termini organizzativi e produttivi sia come emergere di nuove professionalità e mutamento di altre), alle relazioni sociali (in famiglia e tra pari), al commercio (con nuove modalità di acquisizione di prodotti e servizi). Di fronte a tutto questo il mondo istituzionale e organizzativo è rimasto, nella maggior parte dei casi, indietro non riuscendo ad adattarsi e a regolare adeguatamente le mutate condizioni sociali. I professionisti della comunicazione e delle relazioni pubbliche assumono allora un ruolo centrale di intermediari per tentare di ‘riconnettere’ i cittadini con  governanti, legislatori e istituzioni. Solo così l’utopia di una cittadinanza digitale con diritti e regole condivise potrà divenire realtà.

Leggi l’articolo (completo di immagini) su ferpi.it http://www.ferpi.it/internet-tutti-i-trend-del-2015/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...