Advertising e #privacy : #Facebook introduce i Topic Data

Pochi giorni fa Facebook ha annunciato tramite il blog ufficiale, Facebook for Business, l’ennesima novità per i suoi investitori pubblicitari: l’introduzione dei Topic Data. Il nuovo strumento consentirà ad aziende, brand e imprese di sapere cosa il pubblico pensa e dice in relazione a temi vicini e/o connessi al proprio business. Insomma una vera manna per i responsabili di marketing e una preoccupazione in più per la privacy degli utenti!

COSA SONO I TOPIC DATA

Questi dati mostrano cosa gli iscritti a Facebook “stanno dicendo su eventi, brand, argomenti e attività” in modo che responsabili di marketing e agenzie possano modulare di conseguenza prodotti, servizi, piani di comunicazione e di promozione. Le possibilità di utilizzo, alcune delle quali suggerite dallo stesso team di Facebook, sono innumerevoli come potete immaginare: dalla misurazione del sentiment di brand, prodotti e servizi alle decisioni di produzione e stoccaggio in base alle esigenze manifestate dagli utenti rispetto a certi prodotti (abbigliamento, cibo ecc), al monitoraggio dell’andamento di campagne o della concorrenza fino alle scelte editoriali di contenuti o di argomenti particolarmente graditi ecc ecc. Infine per tradurre questa mole di dati in insight utili e rilevanti per gli inserzionisti il colosso di Zuckerberg annuncia la partnership con DataSift, leader riconosciuto nell’industria dei dati.

Facebook topic data

E LA PRIVACY?

Consapevole delle evidenti conseguenze in termini di privacy degli utenti, che vedono in tal modo carpite e analizzate le loro conversazioni tra amici e post privati, la piattaforma social si affretta a rassicurare che questi dati verranno aggregati e anonimizzati in modo che non si possa in alcun modo risalire esattamente a chi abbia detto cosa. Non vi basta? Non ci sono molte alternative come fa notare Josh Constine di TechCrunch se non settare i post come visibili ‘solo a me’  o, in modo del tutto equivalente, non postare affatto!

Un bel colpo messo a segno da Zuckerberg nella lotta tra titani per la conquista di sempre maggiori quote della pubblicità online! Facebook è consapevole del valore del patrimonio di dati a sua disposizione e dell’importanza strategica per il prossimo futuro di saper fornire questi dati in un formato immediatamente trattabile, rilevante e veloce per le esigenze delle imprese. Ma cosa ne penseranno e come reagiranno gli utenti a questa ennesima invasione nella privacy delle loro timeline?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...