Twitter lancia quick promote per attrarre gli imvestimenti delle PMI

Twitter ha da poco pubblicato i risultati finanziari del 2014: conti in miglioramento ma calo della capacità attrattiva di nuovi utenti (nonché di engagement di quelli acquisiti).

La piattaforma di microblogging, infatti, ha mostrato una crescita degli utili superiore alle attese ma, allo stesso tempo, ha dichiarato solo 288 milioni di utenti attivi al mese (solo un +2% rispetto al trimestre scorso). Un problema che il team della società sta cercando di risolvere in vario modo come dimostrano le nuove funzioni di recente introdotte (i messaggi di gruppo. il ‘mentre eri via’, la possibilità di inserire video nativi, la instant timeline ecc), di cui abbiamo avuto già modo di parlare, che dovrebbero attirare nuovi utenti e coinvolgere maggiormente quelli iscritti ma non attivi. A pesare, oltre le difficoltà connesse alle stesse caratteristiche strutturali della piattaforma, potrebbero essere stati anche il dilagare di troll e messaggi violenti che, secondo alcuni, avrebbero offuscato l’immagine della piattaforma da sito di news a luogo dove imperversano insulti e attacchi alla privacy.

Oggi però vorrei parlarvi di una novità che rientra nella strategia finanziaria di questo social media, ovvero la ricerca di nuovi modi per incrementare le entrate pubblicitarie attraverso i famosi ‘promoted tweets’. Forse non è un caso che quasi contemporaneamente alla pubblicazione dei risultati finanziari sul blog della società sia comparsa la news relativa al lancio del ‘quick promote’ definito ” un modo più veloce per le aziende medio piccole (le nostre PMI) per promuovere i tweet”.

A faster way for SMBs to promote Tweets   Twitter Blogs

Si tratta di un mercato, quello delle PMI, che se pure con budget inferiori, presenta ampi margini di crescita vista la numerosità delle aziende coinvolte e la necessità di dotarsi di strumenti facili da usare in mancanza di team specializzati nell’area digital (per cui molto spesso la pubblicità e la comunicazione sono ‘fatti in casa’).

Consapevole di tutto questo la piattaforma, dopo aver concesso a tutti nel luglio scorso l’accesso agli analytics, cerca di rendere ancora più semplice e dinamica la promozione dei tweet per le piccole e medie realtà aziendali. La funzione sarà accessibilie direttamente dalla dashboard delle attività del proprio account: con propri click basterà selezionare il tweet che si vuole promuovere (si raccomanda che sia già un tweet che si sia dimostrato di interesse generando interazioni), scegliere il budget e si avrà una stima della reach che si potrà ottenere. i risultati saranno visibili in tempo reale in modo da consentire aggiustamenti della strategia editoriale in ottica di miglioramento della performance.

Che ne pensate? Lo avete già provato? Aspetto i vostri commenti…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...